wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Lexicon
Il Lexicon del vino più grande del mondo con 25,823 voci dettagliate.

Vaso in argilla, terracotta, bronzo e, più raramente, vetro. Il nome greco "anfora" deriva dal fatto che il vaso poteva essere "portato da due maniglie" ("amphi" = "portare da due maniglie" e "phéro" = "portare"). Questo è stato fatto da due persone per i volumi più grandi. Le anfore furono probabilmente inventate dai Cananei, gli antenati dei Fenici, e portate in Egitto nel 1500 a.C. Si svilupparono nel vaso più popolare nell'antichità, usato per liquidi di tutti i tipi, specialmente olio o vino. È stato portato fino alla Cina dai greci.

Amphoren aus Apulien/Italien / Amphoren aus Kroatien

Natura

L'anfora di vino classica era un vaso d'argilla bulboso con due maniglie su un collo stretto e una base appuntita. Le anfore di solito non avevano un piede, in modo che non potessero essere posizionate da sole, di solito senza un supporto a tre gambe, ma venivano anche conservate sdraiate o appese per i loro manici. Venivano anche spesso utilizzati per il trasporto via nave, per il quale scopo venivano conficcati in uno spesso strato di sabbia con la parte inferiore affusolata per fissarli in posizione. C'erano varie forme (vedi sotto), tra cui la pelike attica (anche stamnos) con una base fissa e un collo corto, che era usata principalmente per conservare e trasportare vino e olio, ma anche come urna per conservare le ceneri nelle tombe. Le piccole anfore per unguenti, profumi o fragranze erano chiamate amphoriscos.

Il Lexicon del vino più grande del mondo

25,823 Parole chiave · 46,943 Sinomini · 5,323 Traduzioni · 31,153 Pronunce · 176,758 Riferimenti incrociati
fatto con il dal nostro autore Norbert F. J. Tischelmayer. Sul Lexicon

Eventi nelle tue vicinanze