wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

AOC

Abbreviazione di Appellation d'Origine Contrôlée; vedi sotto Appellation d'Origine Protégée.

Nuova denominazione AOP valida in Francia per il più alto livello di qualità del vino "vini di origine protetta", che corrisponde a un vino di qualità o a una DOP (origine protetta). Il motivo è il nuovo regolamento del mercato vinicolo dell'UE entrato in vigore nell'agosto 2009. Ciò significa che in tutta l'UE è ora obbligatorio un sistema di qualità controllato sull'origine, che divide i vini in due classi, ovvero senza e con indicazione di origine. Tuttavia, la vecchia denominazione tradizionale AOC può continuare a essere utilizzata. La categoria VDQS (Vin Délimité de Qualité Supérieure), introdotta nel 1949 e considerata un precursore dell'AOC, è stata cancellata senza essere sostituita. Le condizioni di produzione dovevano essere preparate secondo gli standard AOP e il legame con il terroir doveva essere dimostrato. Solo a quel punto era possibile una classificazione superiore ad AOP.

Appellation d’Origine Protégée - Logos

Il passaggio da controllato a protetto comporta un insieme di regole molto più ampio e trasparente rispetto al sistema precedente. Un'organizzazione di controllo indipendente verifica se un vino è conforme ai disciplinari della rispettiva denominazione, che sono specifici per ogni denominazione. I controlli coprono l'intera catena di produzione, dalla botte alla bottiglia. La denominazione non si applica solo a un determinato serbatoio, ma all'intera cantina. Il legame con il terroir è quindi ancora più importante che in passato con le AOC. Esistono tre livelli: AOP Cru (vini provenienti da un vigneto, un sito o una parcella), AOP comunale (comune) e AOP regionale (regione).

La storia

Due uomini lungimiranti in particolare hanno gettato le basi. Il primo fu Pierre Le Roy de Boiseaumarié (1890-1967) che, in qualità di proprietario di Château Fortia nel Rodano meridionale, negli anni Venti del secolo scorso definì un'area particolarmente adatta a 10 (poi 13) varietà di uve e vini grazie al clima e al tipo di terreno prevalenti. Dopo lunghi sforzi, i confini furono finalmente definiti nel 1929, ma solo nel 1935 la zona fu classificata come Châteauneuf-du-Pape. Questo fu anche un impulso decisivo per il termine terroir. Il secondo fautore fu il professore di agricoltura Joseph Capus (1867-1947). Egli colse lo "scandalo del formaggio" come un'opportunità per denunciare la pratica comune a Bordeaux di produrre vino da qualsiasi uva e con qualsiasi metodo. Sotto la sua influenza, nel 1927 la legge fu ampliata per includere le specifiche per la vinificazione. Queste prevedevano, tra l'altro, che si potessero utilizzare solo le varietà d'uva santificate da una consuetudine locale fedele e consolidata. Capus indicò così la strada da seguire e per questo è considerato il padrino della legge sulle denominazioni, che ancora oggi viene chiamata "la loi capus".

La legge includeva gradualmente i metodi autorizzati per la potatura, la resa massima, la maturazione delle uve e i metodi di vinificazione in cantina. Nel 1935, su iniziativa di Capus e Boiseaumarié, fu fondato il "Comité National des Appellations d'Origine". Si trattava del precursore dell'INAO,...

Cosa dicono di noi i nostri membri

Dr. Christa Hanten

Per i miei molti anni di lavoro come redattore con un focus enologico, mi piace sempre informarmi nell'enciclopedia del vino quando ho domande speciali. Leggere spontaneamente e seguire i link porta spesso a scoperte emozionanti nel vasto mondo del vino.

Dr. Christa Hanten
Fachjournalistin, Lektorin und Verkosterin, Wien

Il Lexicon del vino più grande del mondo

26,381 Parole chiave · 46,990 Sinomini · 5,323 Traduzioni · 31,715 Pronunce · 202,578 Riferimenti incrociati
fatto con il dal nostro autore Norbert F. J. Tischelmayer. Sul Lexicon

Eventi nelle tue vicinanze

PREMIUM PARTNER