wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Lexicon
Il Lexicon del vino più grande del mondo con 25,893 voci dettagliate.

Clone Mutante

Vedere sotto Clone.

Prole prodotta da un organismo mediante riproduzione asessuata (greco: ramo o riso). Negli esseri umani, i gemelli identici formano un clone naturale (ma con impronte digitali diverse). Nelle piante, questo si chiama riproduzione vegetativa, quando nuove piante si rigenerano da alcune parti di tessuto di una pianta iniziale. Nel processo, inizialmente vengono creati esseri viventi geneticamente completamente identici con caratteristiche ereditarie, che sono copie identiche al 100% (duplicati) del tipo originale. A causa di mutazioni spontanee che si accumulano durante la fase di vita, queste copie si discostano lentamente ma costantemente dalla vite originale a piccoli passi. Tuttavia, si può parlare di mutanti solo a partire da un certo ambito di cambiamento morfologico e genetico più ampio.

Nelle chimere somatiche, le mutazioni si verificano in modo tessuto-specifico. Le cellule epidermiche esterne o gli strati cellulari interni possono mostrare una o più mutazioni. Tali chimere sono addirittura la regola nella vite, perché con le prime divisioni dell'embrione, la divisione di base degli strati di tessuto in epidermide e strati cellulari interni è stabilita deterministicamente per sempre. Questa divisione dei tessuti di base in due è già contenuta in ogni gemma ascellare appena formata, così che i chimerismi si moltiplicano anche durante la propagazione vegetativa tramite talee. Nella riproduzione sessuata, invece, si incrociano due varietà di genitori in modo che da ogni seme fecondato nasca una nuova varietà di vite, metà della quale ha i nuovi tratti ereditari combinati di entrambi i genitori. Così, nuove varietà di vite sono create attraverso incroci mirati per via sessuale. Tuttavia, le mutazioni somatiche e la propagazione vegetativa danno origine a varianti clonali, mutanti e chimere.

Clone, mutante e mutante clonale

I tre termini clone, mutante e mutante clonale sono spesso usati colloquialmente in viticoltura per definire l'origine di una vite, ma questo non è corretto, perché un clone in senso strettamente scientifico è una copia identica dell'originale, mentre un clone in senso viticolo è una variante clonale mutata e non è più identica al 100% alla pianta originale. In pratica, i cloni di varietà di vite sono considerati cloni solo quando possono essere almeno leggermente distinti dal tipo originale in alcune caratteristiche individuali visibili o misurabili, cioè sono già mutati. Tali mutazioni si verificano spontaneamente e spesso come mutazioni di gemma. Più tardi, dopo la gemmazione, vengono moltiplicati per propagazione vegetativa dei germogli mutanti.

Un mutante clonale è un clone (duplicato) di una varietà che si discosta in alcune caratteristiche. I mutanti cloni sono creati dalla mutazione spontanea di un germoglio di frutta che è stato selezionato per le sue caratteristiche devianti e...

Cosa dicono di noi i nostri membri

Egon Mark

Per me, Lexicon da wein.plus è la più completa e migliore fonte di informazioni sul vino attualmente disponibile.

Egon Mark
Diplom-Sommelier, Weinakademiker und Weinberater, Volders (Österreich)

Il Lexicon del vino più grande del mondo

25,893 Parole chiave · 46,918 Sinomini · 5,325 Traduzioni · 31,225 Pronunce · 179,352 Riferimenti incrociati
fatto con il dal nostro autore Norbert F. J. Tischelmayer. Sul Lexicon

Eventi nelle tue vicinanze