wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Defrutum

Uno sciroppo d'uva molto popolare nell'antica Roma, ottenuto facendo bollire il mosto d'uva non fermentato su un piccolo fuoco. Tra l'altro, per questo scopo si usavano recipienti di piombo, il che dava alla bevanda un sapore dolce e una consistenza succosa e aiutava anche a conservarla, ma era ovviamente molto dannoso per la salute. Secondo i resoconti di alcuni autori antichi come Plinio il Vecchio (23-79), il mosto d'uva veniva addensato a metà del suo volume originale, secondo Varrone (116-27 a.C.) e Columella (I secolo d.C.) addirittura a un terzo (probabilmente c'erano diverse applicazioni). Questo mosto addensato veniva anche fermentato, dando luogo a vini pesanti e dolci. Defrutum era anche usato per migliorare il gusto dei vini sottili. Prodotti simili erano Caroenum con una riduzione di volume leggermente inferiore e Sapa. Seguendo i modelli antichi, si sviluppò il vino da fuoco, che fu popolare fino al XVIII secolo. Tradizionalmente, i vini chiamati vino cotto sono ancora prodotti in Italia per il consumo privato. La materia prima del balsamico è anche il mosto d'uva cotto. Vedi anche una lista di vini speciali e bevande simili al vino sotto la voce vini speciali.

Cosa dicono di noi i nostri membri

Dr. Edgar Müller

Ho grande rispetto per la portata e la qualità dell'enciclopedia wein.plus. È un posto unico dove andare per informazioni nitide e solide sui termini del mondo del vino.

Dr. Edgar Müller
Dozent, Önologe und Weinbauberater, Bad Kreuznach

Il Lexicon del vino più grande del mondo

26,381 Parole chiave · 46,990 Sinomini · 5,323 Traduzioni · 31,715 Pronunce · 202,520 Riferimenti incrociati
fatto con il dal nostro autore Norbert F. J. Tischelmayer. Sul Lexicon

Eventi nelle tue vicinanze

PREMIUM PARTNER