wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Dolium

Nome latino del recipiente d'argilla (plurale dolia) simile a un'anfora, con una capacità fino a diverse migliaia di litri, usato dai romani come contenitore di fermentazione e conservazione del vino. Anche questi sono stati scavati nel terreno. La foto in basso a sinistra mostra un reperto nella Villa Fanninus, dal nome del proprietario, nel villaggio di Boscoreale ai piedi del Vesuvio. Inoltre, sono stati trovati anche un torchio e un grande cortile di fermentazione, dove queste botti di argilla erano incastrate nel terreno. Questa villa si è conservata durante l'eruzione vulcanica che distrusse completamente Pompei nel 79. L'immagine a destra mostra un reperto della città di Ostia, la città portuale dell'antica Roma alla foce del Tevere. Quando i Romani vennero a conoscenza della botte di legno dai Celti e non conoscevano una parola corrispondente, tradussero dolium per botte. Vasi simili sono kvevri (georgiano), pithos (greco), talha (portoghese) e tinaja (spagnolo). Vedi anche sotto vasi da vino.

Cosa dicono di noi i nostri membri

Egon Mark

Per me, Lexicon da wein.plus è la più completa e migliore fonte di informazioni sul vino attualmente disponibile.

Egon Mark
Diplom-Sommelier, Weinakademiker und Weinberater, Volders (Österreich)

Il Lexicon del vino più grande del mondo

26,428 Parole chiave · 47,026 Sinomini · 5,321 Traduzioni · 31,761 Pronunce · 208,206 Riferimenti incrociati
fatto con il dal nostro autore Norbert F. J. Tischelmayer. Sul Lexicon

Eventi nelle tue vicinanze

PREMIUM PARTNER