wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Jájin mewuschal

Termine ebraico (anche Yáyin mevushal) per un "vino cotto (pastorizzato)"; vedi sotto vino kosher.

Il consumo di vino ha sempre avuto un ruolo rituale importante nella vita ebraica in tutte le feste, con molti esempi nell'Antico Testamento della Bibbia. Un consumo moderato è raccomandato ai fedeli in quanto benefico per la salute. Il sabato si beve vino all'inizio (Kiddush) e alla fine (Havdala). All'inizio del sabato (venerdì sera), una coppa di vino (Kiddush) viene riempita quattro volte durante la celebrazione. Per prima cosa, il padre pronuncia la benedizione sul vino: Benedetto sei tu, Dio nostro Signore, dominatore del cielo e della terra, che hai creato il frutto della vite. Poi beve un sorso di vino e lo passa a tutti.

koscher auf hebräisch / koscherer Weingarten

Il vino è un simbolo della gioia che Dio ha dato al popolo ebraico durante il sabato. Alla fine del sabato (sabato sera), come rituale, si versa una coppa di vino così piena da traboccare. Questo vuole simboleggiare la benedizione traboccante di Dio per il sabato e la settimana successiva. Il termine "vino Kiddush" (vino della benedizione) è spesso usato in questo contesto. Il vino kosher ha anche un significato molto particolare durante la Pasqua ebraica, che si celebra dal 15 al 21 Nisan (il primo mese secondo il calendario "religioso") in ricordo dell'esodo degli israeliti dall'Egitto e quindi della liberazione dalla schiavitù.

Leggi sul cibo e sul vino

Le leggi ebraiche per la preparazione di cibi e bevande (in ebraico kashrut) sono contenute nel Tanakh (testi biblici normativi, parte dei quali è la Torah), nel Talmud (regole per la vita quotidiana) e nella letteratura rabbinica. Gli alimenti e le pietanze che ne derivano sono "kosher" (in ebraico "puro", "adatto" o "idoneo") e quindi commestibili, oppure "trefe" (anche "mansueto") e quindi impuri e quindi non consentiti. Anche la produzione del "Jájin kaschér" (vino kosher) è soggetta a regole severe rispetto al "Jájin stam" (vino normale). Queste si applicano non solo al vino, ma anche all'aceto e a tutti i prodotti da esso derivati, come ad esempio Superalcolici.

La vinificazione

L'intero processo di vinificazione, dalla raccolta dell'uva...

Cosa dicono di noi i nostri membri

Andreas Essl

Il glossario è un risultato monumentale e uno dei più importanti contributi alla conoscenza del vino. Di tutte le enciclopedie che uso sul tema del vino, è di gran lunga la più importante. Era così dieci anni fa e da allora non è cambiato.

Andreas Essl
Autor, Modena

Il Lexicon del vino più grande del mondo

26,442 Parole chiave · 47,022 Sinomini · 5,321 Traduzioni · 31,775 Pronunce · 209,841 Riferimenti incrociati
fatto con il dal nostro autore Norbert F. J. Tischelmayer. Sul Lexicon

Eventi nelle tue vicinanze

PREMIUM PARTNER