wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Legno di quercia

Fin dall'antichità, un'ampia varietà di legni provenienti dalle specie arboree dell'acacia, dell'eucalipto, del castagno, del ciliegio, della palma, del pino e del cedro sono stati utilizzati per produrre botti da vino. Le botti di legno erano poco conosciute nell'antica Grecia, ma lo storico greco Erodoto (482-425 a.C.) riferisce di botti di questo tipo nella città di Babilonia, realizzate in legno di palma. Si ritiene abbastanza certo che i Celti utilizzassero botti di legno per il trasporto già due o un millennio prima del calendario e che i Romani abbiano adottato questa abilità da loro. Tuttavia, il legno più adatto alla conservazione del vino o all'invecchiamento in barrique è il rovere. È uno dei legni più duri, resistente, molto durevole e comunque facile da lavorare. Inoltre, la natura dei pori a forma di anello impedisce ai liquidi di passare attraverso il legno. È l'ideale per la costruzione di tutti i tipi di recipienti, in particolare delle botti.

Cosa dicono di noi i nostri membri

Sigi Hiss

C'è un gran numero di fonti sul web dove si possono acquisire conoscenze sul vino. Ma nessuno ha la portata, l'attualità e la precisione delle informazioni dell'enciclopedia su wein.plus. Lo uso regolarmente e ci faccio affidamento.

Sigi Hiss
freier Autor und Weinberater (Fine, Vinum u.a.), Bad Krozingen

Il Lexicon del vino più grande del mondo

26,403 Parole chiave · 47,036 Sinomini · 5,323 Traduzioni · 31,737 Pronunce · 205,272 Riferimenti incrociati
fatto con il dal nostro autore Norbert F. J. Tischelmayer. Sul Lexicon

Eventi nelle tue vicinanze

PREMIUM PARTNER