wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Mallet

Nome inglese (ingl. hammer o mallet) per una forma di bottiglia di vino che divenne comune all'inizio del XVIII secolo. Le bottiglie avevano una forma a cipolla e un collo corto. Vedi alla voce bottiglie.

Già nel 1.500 a.C. nell'antico Egitto si producevano vari contenitori in vetro per vino, birra e altri liquidi. Tuttavia, solo quando i Fenici in Siria inventarono la canna da vetro (e quindi la soffiatura del vetro) nel II secolo a.C., i Romani furono in grado di produrre bottiglie di vetro su scala più ampia fin dall'inizio della nostra era. La bottiglia di vino più antica del mondo è esposta in un museo di Speyer (Renania-Palatinato). È stata trovata in una tomba romana e risale al IV secolo d.C.. Tuttavia, a causa della fragilità del vetro, i contenitori in argilla o terracotta e le botti di legno continuarono a essere utilizzati per il trasporto e la conservazione fino al XVII secolo. A quell'epoca, inoltre, il vino non veniva conservato o commercializzato in piccoli contenitori, ma quasi esclusivamente in grandi contenitori (soprattutto botti di legno).

Flaschen - alte Formate und Pferdefuß

LA STORIA

All'epoca, metà del mondo era dominata dal Regno di Gran Bretagna. Molte aziende inglesi avevano proprietà in Portogallo (dove fondarono l'industria del vino di Porto ), in Spagna (dove lo stesso vale per il Sherry ), in Sicilia (dove anche il Marsala fu inventato da un inglese) e a Bordeaux, ognuna con un vivace commercio di vino con la madrepatria. Oltreoceano, lo stesso accadeva nei Caraibi, in questo caso con Superalcolici come il gin o il rum. Non è quindi un caso che la bottiglia per vino e bevande alcoliche sia stata "inventata" e la produzione perfezionata in Inghilterra.

L'invenzione della bottiglia

Il diplomatico inglese Sir Kenelm Digby (1603-1665) sviluppò una tecnica di produzione migliorata nel 1652, ma non si preoccupò di brevettarla. La fama dell'invenzione delle bottiglie andò quindi a John Colnett, che ne chiese il brevetto nel 1661. Le bottiglie avevano un corpo sferico con un lungo collo e all'inizio del XVIII secolo si trasformarono lentamente in recipienti a forma di cipolla, dal collo corto, noti come "mallets" o "horse's feet" (foto in alto al centro e a destra). Le bottiglie verde oliva (17 cm di altezza, 14 cm di diametro) sono state realizzate in vetro forestale (vetro potassico) nella Germania settentrionale tra il 1710 e il 1750 circa per il mercato olandese.

Il sughero come tappo

A quell'epoca l'uso del tappo di sughero era già molto diffuso. Le bottiglie erano dotate di una perlina nella parte superiore del collo, che serviva a fissare i tappi con delle cordicelle. Sul corpo della bottiglia veniva spesso fuso un sigillo di vetro, che riportava anche il volume nominale ma non l'indicazione del contenuto. Ciò offriva un certo grado di protezione contro le frodi da parte di bottiglie troppo piccole.

L'etichettatura

Dopo l'avvento delle bottiglie di vetro a metà del XVII secolo, per molto tempo fu vietata la vendita di vino in bottiglia, e per una buona ragione. Le diverse dimensioni delle bottiglie avrebbero aperto la porta alle frodi. All'inizio del XIX secolo, al posto della forma sferica e bulbosa (vedi foto sopra, al centro e a destra), prevalse la forma cilindrica che è comune oggi (vedi foto a sinistra), perché era molto più adatta per impilare le bottiglie. Il primo produttore di bottiglie di questa forma fu Ricketts, nella città inglese di Bristol, che ne detenne il brevetto. In questo periodo vennero utilizzate anche le prime etichette nella forma odierna.

Flaschen - verschiedene Formen

FORME DELLE BOTTIGLIE

Nonostante la produzione industriale di bottiglie di vetro, la commercializzazione in bottiglia è stata l'eccezione piuttosto che la regola fino a tutto il XX secolo ed è stata utilizzata principalmente solo per le qualità migliori. Per la maggior parte, il vino veniva commercializzato in botti non solo per le ragioni sopra citate, ma anche per motivi pratici, come la facilità di trasporto. In molti Paesi l'imbottigliamento generale si è affermato solo dopo la Seconda Guerra Mondiale.

Molti Paesi, regioni vinicole e produttori hanno creato forme, dimensioni e colori specifici per le bottiglie, al fine di creare un'identità distintiva per ragioni di marketing. Nella regione vinicola tedesca della Sassonia è comune la Sachsenkeule a forma di cono, nella regione del Rheingau la bottiglia Schlegel, sottile e marrone, e nella regione della Mosella la stessa in colore verde. La bottiglia Schlegel (nota anche come bottiglia alta) è più comunemente utilizzata per i vini bianchi in Austria, Germania, Svizzera e nella regione francese dell'Alsazia. I colori scuri delle bottiglie proteggono dai raggi UV, che causano il difetto del vino "Käseln" (macchia di luce).

Le forme più comuni

Le bottiglie di Bordeaux, Borgogna e Champagne, che prendono il nome dalle regioni e hanno forme e colori significativi, sono originarie della Francia, ma sono ormai utilizzate in tutto il mondo. La bottiglia di Borgogna, in particolare, è diventata rapidamente popolare in tutto il mondo grazie al boom dello Chardonnay negli anni Ottanta. In molti Paesi esistono anche bottiglie speciali, come il Clavelin per il Vin Jaune, l'Alambrado avvolto nel filo di ferro per la Rioja, il Bocksbeutel in Franconia (anche in Grecia e per l'Armagnac), l'Albeisa in Piemonte per il Barolo e il Barbaresco o, in passato, il Fiasco avvolto nel bastone per il Chianti. Esistono anche bottiglie personalizzate.

Flaschentypen: Bocksbeutel, Burgunderflasche, Bordeauxflasche, Schlegelflasche, Keulenflasche, Schaumweinflasche

Formati standard

Per molto tempo il formato standard delle bottiglie di vino è stato di 0,7 litri. Secondo una teoria, ciò risale al monaco Dom Pérignon (1638-1715), che lo stabilì come quantità media consumata dagli adulti maschi a cena. Altri ipotizzano ragioni puramente pratiche, in quanto tale quantità corrisponde all'incirca alla quantità d'aria che un soffiatore di vetro può assumere in una sola volta nei suoi polmoni. Tuttavia, venivano utilizzati anche grandi recipienti per il vino che contenevano fino a 30 bottiglie. Questi vasi a forma di pallone venivano utilizzati principalmente per la conservazione. Il primo formato di bottiglia legalmente definito fu la "Pinte de Paris", introdotta nel 1735 sotto il re francese...

Cosa dicono di noi i nostri membri

Markus J. Eser

L'uso dell'enciclopedia non solo fa risparmiare tempo, ma è anche estremamente comodo. Inoltre, le informazioni sono sempre aggiornate.

Markus J. Eser
Weinakademiker und Herausgeber „Der Weinkalender“

Il Lexicon del vino più grande del mondo

26,384 Parole chiave · 46,991 Sinomini · 5,323 Traduzioni · 31,718 Pronunce · 202,790 Riferimenti incrociati
fatto con il dal nostro autore Norbert F. J. Tischelmayer. Sul Lexicon

Eventi nelle tue vicinanze

PREMIUM PARTNER