wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Uncinula necator

Nome (anche Uncinula necator var. Necator, Erysiphe necator var. Necator o Oidium tuckeri) per l'agente causale della malattia fungina oidio, vedi qui.

Termine che indica due pericolose malattie della vite causate da funghi. Sono state introdotte in Europa nella seconda metà del XIX secolo con materiale viticolo contaminato proveniente dal Nord America. Entrambi i tipi di funghi sono parassiti biotrofi, il che significa che si nutrono delle cellule vive dell'ospite infetto. Le due malattie dell'oidio sono spesso confuse, non tanto per i sintomi, che sono abbastanza evidenti, ma per i nomi simili. Esistono funghi dell'oidio specifici per ogni pianta, ad esempio per mele, piselli, cetrioli, rose, spinaci e vite. I funghi sono strettamente specifici per l'ospite, cioè possono vivere solo sul loro ospite o sui loro ospiti.

Entrambi vengono controllati convenzionalmente con zolfo (oidio) e solfato di rame o brodo di Bordeaux (peronospora). Sempre più spesso, tuttavia, si utilizzano anche fungicidi speciali o agenti rinforzanti per le piante. Spesso il controllo deve essere effettuato più volte durante la stagione di crescita. Nell'incrocio di nuove varietà, oggi si pone l'accento anche sulla resistenza a entrambi i tipi di funghi. Va notato che alcune specie di coccinelle, che sono tra i più importanti insetti utili in viticoltura, si nutrono esclusivamente di muffa. Tuttavia, questo non ha alcuna importanza per il loro controllo nel vigneto.

I cespugli di rose sono spesso piantati ai margini dei vigneti o alla fine di ogni filare come sistema di allarme precoce. Essi fungono per così dire da "sentinelle" o da piante indicatrici, perché vengono attaccati da entrambi i tipi di muffa prima delle viti e quindi informano il viticoltore dell'infestazione in tempo utile per adottare misure di difesa preventive. Inoltre, forniscono un riparo per gli insetti utili. È una pratica comune nella regione viticola francese delle Graves, ad esempio, ma anche in altri Paesi.

OIDIO (OIDIUM)

L'oidio è noto anche come "Oidium" o "Oidium tuckeri" dal nome del giardiniere William Tucker, che per primo scoprì il fungo in Inghilterra nel 1845. L'agente causale della malattia appartiene ai funghi tubolari (Ascomycota), il cui nome botanico è "Erysiphe necator var. necator" o anche "Uncinula necator var. necator". Il fungo è stato identificato e descritto in Nord America già nel 1834. Probabilmente è stato introdotto in Europa attraverso l'Inghilterra all'inizio degli anni '40 del XIX secolo e successivamente si è diffuso rapidamente in tutto il continente.

Insieme alla...

Cosa dicono di noi i nostri membri

Andreas Essl

Il glossario è un risultato monumentale e uno dei più importanti contributi alla conoscenza del vino. Di tutte le enciclopedie che uso sul tema del vino, è di gran lunga la più importante. Era così dieci anni fa e da allora non è cambiato.

Andreas Essl
Autor, Modena

Il Lexicon del vino più grande del mondo

26,381 Parole chiave · 46,990 Sinomini · 5,323 Traduzioni · 31,715 Pronunce · 202,578 Riferimenti incrociati
fatto con il dal nostro autore Norbert F. J. Tischelmayer. Sul Lexicon

Eventi nelle tue vicinanze

PREMIUM PARTNER