wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Domaines Barons de Rothschild S.A.

Società del ramo francese della famiglia Rothschild; vedi qui.

Il nome dell'impero della famiglia Rothschild, ampiamente ramificato e molto influente, è indissolubilmente legato alla storia bancaria ed economica europea degli ultimi 200 anni. In viticoltura, i membri della famiglia Rothschild sono noti anche per la loro proprietà di due dei più famosi châteaux del comune francese di Pauillac, nel Médoc. Si tratta delle due tenute vinicole classificate come Premier Grand Cru Classé, Château Lafite-Rothschild (ramo francese) e (solo successivamente) Château Mouton-Rothschild (ramo inglese). Sia la stretta relazione che la vicinanza dei due vigneti vicini hanno portato a legami stretti e a una storia condivisa per oltre 200 anni.

Tra le due aziende c'è sempre stata un'aperta rivalità, ben prima che le famiglie Rothschild ne prendessero il controllo (Mouton nel 1853 e Lafite nel 1868). Una delle prime cause di conflitto fu la lotta per la proprietà "Les Carruades", che si trova proprio al confine tra le due tenute vinicole. Nel 1845 scoppiò un'aspra disputa tra gli amministratori delle due tenute per la proprietà, che fu poi decisa a favore di Château Lafite.

CLASSIFICAZIONE DI BORDEAUX 1855

La seconda grande causa di conflitto, dieci anni dopo, fu la famosa classificazione di Bordeaux del 1855, in cui Lafite fu classificato come Premier Grand Cru e Mouton solo come Deuxième Grand Cru. Mouton si rifiutò di accettare questo "disonore" fin dall'inizio e Lafite assaporò il trionfo.

Il terzo motivo si verificò nel 1953, quando Elie Robert de Rothschild (1917-2007), in qualità di proprietario di Lafite, avviò l'esclusione di Mouton dall'"Associazione dei Cinque" (i quattro Premier dell'epoca e Mouton) con la motivazione che non era un Premier Cru. Lo sforzo di elevare Mouton al primo rango non fu appoggiato da Lafite, anzi si oppose con veemenza. È una battuta che durante l'occupazione tedesca, le due tenute vinicole furono confiscate dal governo di Vichy nel 1942 e gestite congiuntamente.

Rothschild - Porträts Mayer Amschel, James, Nathaniel, Philipp de Rothschild

gemello francese (Château Lafite-Rothschild)

Per conto del padre Mayer Amschel Rothschild (1744-1812), Jakob Mayer Rothschild (1792-1868) si stabilì a Parigi nel 1812, dove cambiò il suo nome di battesimo in James. Qui fondò la filiale della banca francese nel 1817. Nel 1822, insieme ai suoi quattro fratelli, ottenne il titolo ereditario di "barone" dall'imperatore Francesco I (1768-1835) d'Austria. Nel 1868 acquistò lo "Château Lafite" e aggiunse il nome di famiglia "Rothschild".

Tuttavia, probabilmente non vide mai la sua proprietà, poiché morì nello stesso anno. I suoi tre figli Gustave, Edmond e Alphonse lasciarono la gestione a un amministratore delegato e anche ai loro figli fu mostrato solo il bilancio ogni anno. Sebbene Edmond de Rothschild (1845-1934) abbia rivitalizzato la viticoltura in Palestina (oggi Israele) nel 1882 con una donazione di 60 milioni di franchi d'oro, ha prestato poca attenzione anche alle proprietà in Francia.

Elie Robert de Rothschild

Il pronipote ElieRobert de Rothschild (1917-2007) ha prestato servizio come soldato alleato nella Seconda Guerra Mondiale e, dopo il suo ritorno, è stato una figura di spicco della banca di famiglia. Ha inoltre trasformato l'ex compagnia ferroviaria Parigi-Lione-Marsiglia in un gruppo di viaggi con hotel e ristoranti. Nel 1946 assunse la direzione di Château Lafite-Rothschild e fu il primo membro della famiglia a impegnarsi in prima persona nel settore vinicolo. Considerò sempre Château Mouton-Rothschild come un concorrente ostile e lo definì spregiativamente "questo Deuxième Cru", alludendo al fatto che non fu classificato come Premier Grand Cru fino al 1973.

Eric de Rothschild

Nel 1974, il nipote di quinta generazione Eric de Rothschild(*1940) prese le redini dell'azienda. Studiò ingegneria all'Università di...

Cosa dicono di noi i nostri membri

Markus J. Eser

L'uso dell'enciclopedia non solo fa risparmiare tempo, ma è anche estremamente comodo. Inoltre, le informazioni sono sempre aggiornate.

Markus J. Eser
Weinakademiker und Herausgeber „Der Weinkalender“

Il Lexicon del vino più grande del mondo

26,427 Parole chiave · 47,031 Sinomini · 5,321 Traduzioni · 31,760 Pronunce · 207,741 Riferimenti incrociati
fatto con il dal nostro autore Norbert F. J. Tischelmayer. Sul Lexicon

Eventi nelle tue vicinanze

PREMIUM PARTNER