wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

vitigni femminili

Di norma, le viti coltivate sono monoiche (fiori maschili e femminili sulla stessa pianta), mentre le viti selvatiche sono dioiche (separate su piante diverse). La vite coltivata monoica ha fiori ermafroditi, cioè gli organi sessuali maschili e femminili sono uniti in un unico fiore. Le viti selvatiche puramente femminili hanno svolto un ruolo importante nello sviluppo delle varietà di uva. Dipendevano dalla fecondazione incrociata e nel migliore dei casi venivano fecondate da un'altra varietà di uva, il che escludeva i problemi di consanguineità. Quando un seme d'uva germogliava in una piantina, si creava una nuova varietà d'uva grazie a questo incrocio naturale. Nel caso dell'autofecondazione (autofecondazione), gli effetti negativi della consanguineità si traducono in una prole per lo più inferiore. La natura si è protetta da questo, per così dire, attraverso la dioecità o autosterilità. Questo perché la fecondazione con geni estranei porta a effetti positivi di eterosi (cambiamenti rispetto ai genitori) nella prole.

Cosa dicono di noi i nostri membri

Prof. Dr. Walter Kutscher

In passato, avevi bisogno di una grande quantità di enciclopedie e di letteratura specializzata per tenerti aggiornato nella tua vita professionale di vinofilo. Oggi, l'enciclopedia del vino di wein.plus è uno dei miei migliori aiutanti, e può essere giustamente chiamata la "bibbia della conoscenza del vino".

Prof. Dr. Walter Kutscher
Lehrgangsleiter Sommelierausbildung WIFI-Wien

Il Lexicon del vino più grande del mondo

26,415 Parole chiave · 47,049 Sinomini · 5,323 Traduzioni · 31,749 Pronunce · 206,608 Riferimenti incrociati
fatto con il dal nostro autore Norbert F. J. Tischelmayer. Sul Lexicon

Eventi nelle tue vicinanze

PREMIUM PARTNER