wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Clicquot

Vedere sotto Veuve Clicquot-Ponsardin.

Nel 1772, il banchiere e commerciante di lana Philippe Clicquot-Muiron fondò un commercio di vino con il nome di Clicquot. Questa fu l'origine di una delle prime e più famose case di champagne. Il figlio François Clicquot (+1805) sposò Nicole Barbe Ponsardin (1777-1866) nel 1798; il matrimonio si svolse in grande stile in una cantina di champagne. Già nel 1802 furono inviati dei rappresentanti in Russia per incrementare le esportazioni. Dopo la morte prematura del marito, la giovane vedova rilevò l'attività e la chiamò "Veuve Clicquot-Ponsardin" (Veuve = vedova). La donna perfezionista ispezionava le sue cantine anche di notte per controllare lo sviluppo. È spesso considerata la prima imprenditrice dell'era moderna; il suo champagne veniva fornito a tutte le corti europee di sovrani e principi. Il suo maestro di cantina Antoine de Muller (1788-1859), originario della Svevia, riuscì intorno al 1813 nella rivoluzionaria invenzione della crivellatura delle bottiglie, il remuage per mezzo di carrucole (pupitres). Secondo la leggenda, Madame sacrificò uno dei suoi mobili per il primo dispositivo di questo tipo. Fino al 1821, Veuve Clicquot-Ponsardin fu l'unica azienda a utilizzare questo nuovo processo.

Nicole Barbe Ponsardin (1777-1866) um 1860 - alle Champagner-Formate

L'invenzione dello Champagne Rosé

Madame Clicquot-Ponsardin fu anche l'inventrice dello champagne rosé, fino ad allora prodotto solo in bianco. A lei si deve anche il disegno dell'etichetta gialla utilizzata ancora oggi per gli champagne senza invecchiamento. Nel 1814, Madame fece murare le cantine perché temeva i saccheggi dei cosacchi e dei prussiani, che occuparono la città a più riprese tra marzo e maggio. Il 13 marzo 1814, mentre le truppe francesi liberavano...

Cosa dicono di noi i nostri membri

Markus J. Eser

L'uso dell'enciclopedia non solo fa risparmiare tempo, ma è anche estremamente comodo. Inoltre, le informazioni sono sempre aggiornate.

Markus J. Eser
Weinakademiker und Herausgeber „Der Weinkalender“

Il Lexicon del vino più grande del mondo

26,381 Parole chiave · 46,990 Sinomini · 5,323 Traduzioni · 31,715 Pronunce · 202,589 Riferimenti incrociati
fatto con il dal nostro autore Norbert F. J. Tischelmayer. Sul Lexicon

Eventi nelle tue vicinanze

PREMIUM PARTNER