wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Bouchage

Termine francese per tappare; vedi alla voce sughero.

Gli Assiri, gli Egizi e i Greci conoscevano il tappo di sughero già nella prima antichità. I tappi di sughero venivano talvolta utilizzati anche per sigillare le anfore. Nella maggior parte dei casi, tuttavia, si usavano tappi di terracotta (argilla), che venivano fissati con uno spago e poi sigillati con vernice, argilla o pece. Lo scrittore romano Catone il Vecchio (234-149 a.C.) scrisse che le brocche di vino dovevano essere sigillate con sughero e pece dopo la fermentazione. I Romani conoscevano già questo tipo di chiusura, ma fu dimenticato con la caduta dell'Impero Romano. Presumibilmente perché la penisola iberica, principale fonte di corteccia di sughero, fu conquistata dai Mori nell'VIII secolo e dominata per lungo tempo. Fino al tardo Medioevo, i vasi venivano sigillati con tappi di legno immersi nell'olio e avvolti in canapa, pece o cera.

Con lo sviluppo delle bottiglie di vetro, furono inizialmente utilizzati tappi di vetro, ma i tappi di sughero furono riscoperti all'inizio del XVII secolo. Anche il presunto inventore dello champagne Dom Pérignon (1638-1715) lo sperimentò. A causa delle diverse dimensioni del collo delle bottiglie, i tappi di sughero avevano inizialmente una forma conica e venivano infilati solo a metà per facilitarne la rimozione. Solo con lo sviluppo di cavatappi utilizzabili, i tappi di sughero assunsero una forma cilindrica e vennero inseriti completamente nel collo della bottiglia. A partire dalla metà del XVII secolo, i tappi di sughero divennero il tipo di chiusura dominante per le bottiglie, il che portò a un rapido boom dell'industria del sughero.

Schaumweinkorken, Naturkorken, Presskorken, Kunststoffkorken

La produzione

Il tappo di sughero naturale è ricavato principalmente dalla spessa corteccia esterna della quercia da sughero più adatta, la "Quercus suber". Più della metà della produzione mondiale proviene dal Portogallo, mentre altri Paesi sono Spagna, Algeria, Italia e Marocco. Gli alberi, che possono crescere fino a 10 metri di altezza, possono essere utilizzati per circa 200 anni. Tuttavia, possono essere scortecciati per la prima volta solo all'età di 25 anni; la corteccia è adatta per i tappi di bottiglia solo a partire dai 45 anni. Un albero può essere scortecciato circa 15 volte a intervalli di 9-12 anni. La corteccia viene conservata per almeno un anno, poi viene bollita in acqua, pressata, tagliata in lastre e selezionata in base alla qualità. Da queste si tagliano delle strisce e si ricavano dei tappi cilindrici. Si producono tappi di lunghezza compresa tra 38 e 60 mm; di solito, tappi più lunghi significano anche una maggiore qualità del vino. I tappi grezzi vengono levigati sulle facce terminali e arrotondati. Vengono poi...

Cosa dicono di noi i nostri membri

Andreas Essl

Il glossario è un risultato monumentale e uno dei più importanti contributi alla conoscenza del vino. Di tutte le enciclopedie che uso sul tema del vino, è di gran lunga la più importante. Era così dieci anni fa e da allora non è cambiato.

Andreas Essl
Autor, Modena

Il Lexicon del vino più grande del mondo

26,381 Parole chiave · 46,990 Sinomini · 5,323 Traduzioni · 31,715 Pronunce · 202,510 Riferimenti incrociati
fatto con il dal nostro autore Norbert F. J. Tischelmayer. Sul Lexicon

Eventi nelle tue vicinanze

PREMIUM PARTNER