wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Jájin

Termine ebraico (anche Yáyin) per il vino; vedi sotto Bibbia.

Il vino svolge un ruolo molto importante in alcune religioni, soprattutto nel cristianesimo. Il legame mistico tra il vino e Dio trova la sua espressione centrale nell'Eucaristia (ringraziamento), quando il pane e il vino si trasformano nel corpo e nel sangue di Cristo. Questo risale all'Ultima Cena descritta nel Nuovo Testamento. Gesù pronunciò la lode, spezzò il pane, lo porse loro e disse: "Prendete, questo è il mio corpo". Poi prese il calice, disse la preghiera di ringraziamento, lo porse ai discepoli e tutti ne bevvero. E disse loro: Questo è il mio sangue, il sangue dell'alleanza, che è versato per molti (Marco 14:17-25).

Bibel - Abendmahl (Gemälde von Jacopo Bassano)

Menzione del vino nella Bibbia

Il vino e la viticoltura sono citati direttamente o indirettamente in un totale di 979 luoghi della Bibbia. La vigna ricorre più di 90 volte, la vite più di 60 volte e il torchio 15 volte. Sebbene anche la birra fosse una bevanda diffusa all'epoca, non godeva dello stesso status elevato. Il riformatore Martin Lutero (1483-1546) classificò la differenza come segue: La birra è opera dell'uomo, ma il vino viene da Dio. Gli studiosi della Bibbia hanno trovato otto parole ebraiche che sono state tradotte come "vino" nelle varie lingue. Non tutte sono vino vero e proprio, ma alcune sono sciroppi, bevande simili alla birra o altre bevande alcoliche ricavate da frutti di alberi e campi:

  • Ásis = vino dolce o d'annata
  • Chemer = vino rosso forte, mescolato con acqua
  • Mimsák = vino misto o piccante (vino speziato)
  • Shékár = bevanda forte a base di orzo, miele o datteri
  • Shemárim = vino vecchio
  • Sob'e = bevanda forte e inebriante, mescolata con acqua
  • Tirósh = vino giovane
  • Yáyin (Jájin) = termine generale per indicare il vino.

Bibel - Biubel, Messkelch und Patena (Hostienschale)

Viticoltura e consumo di vino tra gli israeliti

L'importanza della viticoltura per la comunità israelita è illustrata dalle affermazioni contenute nel Libro del Deuteronomio (quinto libro del Pentateuco). Si tratta di una raccolta di discorsi e leggi simili a sermoni che Mosè annunciò agli israeliti prima del loro ingresso nella terra di Canaan. A proposito della partecipazione a una battaglia imminente (Dt 20,6), egli dice: "Chi è l'uomo che ha piantato una vigna e non l'ha ancora utilizzata? Si alzi e torni a casa sua, perché non muoia in battaglia e un altro la usi". Il vignaiolo era quindi esonerato dal servizio militare fino alla vendemmia, che durava da tre a cinque anni. Per gli israeliti, assicurare la vigna era quindi più importante di un uomo in più in battaglia.

Regole nella vigna

Esistevano norme severe riguardo al consumo di uva nella vigna. Alcuni esempi sono (23,35): Quando entri nella vigna del tuo vicino, puoi mangiare uva a volontà fino a sazietà, ma non devi mettere nulla nel tuo recipiente. Anche il tempo successivo alla vendemmia era regolato (24,21-22): Quando raccoglierai l'uva della tua vigna, non raccoglierai in seguito; essa andrà allo straniero, all'orfano e alla vedova. Anche Levitico 19,10 tratta questo argomento: Anche nella tua vigna non spigolerai e non raccoglierai l'uva caduta. Lasciateli per i poveri e per il forestiero.

Il piacere del vino come espressione di allegria

Sebbene l'ebraismo affermi la frugalità e disapprovi ogni ostentazione, accetta tutta la fisicità come dono di Dio. Questo include anche il piacere del vino come espressione di allegria e gioia di vivere. Il vino non solo è permesso, ma delizia il cuore e riempie la vita di gioia. Il vino kosher svolge un importante ruolo rituale durante il sabato santo. Ci sono avvertimenti contro il consumo eccessivo, ad esempio del Chemer: questo va bevuto mescolato con acqua, perché non diluito confonde la testa e il cervello. Anche il lavoro del viticoltore nella vigna, il vino e la vite sono spesso lodati e descritti come doni di Dio.

Antico Testamento

Nell'Antico Testamento della Bibbia, il vino,...

Cosa dicono di noi i nostri membri

Dr. Christa Hanten

Per i miei molti anni di lavoro come redattore con un focus enologico, mi piace sempre informarmi nell'enciclopedia del vino quando ho domande speciali. Leggere spontaneamente e seguire i link porta spesso a scoperte emozionanti nel vasto mondo del vino.

Dr. Christa Hanten
Fachjournalistin, Lektorin und Verkosterin, Wien

Il Lexicon del vino più grande del mondo

26,424 Parole chiave · 47,030 Sinomini · 5,321 Traduzioni · 31,757 Pronunce · 207,505 Riferimenti incrociati
fatto con il dal nostro autore Norbert F. J. Tischelmayer. Sul Lexicon

Eventi nelle tue vicinanze

PREMIUM PARTNER