wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

VOP

Abbreviazione di Very Old Pale; vedi sotto Cognac.

Probabilmente il brandy più famoso al mondo prende il nome dall'omonima città nel dipartimento della Charente, appena a nord di Bordeaux, nel sud-ovest della Francia, vicino alla costa atlantica. Quando il generale romano Giulio Cesare (100-44 a.C.) conquistò la Gallia, i suoi legionari avrebbero portato dalla loro patria l'uva Trebbiano, che in seguito divenne il vitigno principale del Cognac. Secondo la leggenda, il nome della regione di Cognac risale al generale romano Comnus. Nel XII secolo fu introdotto lo spriting, il processo di conservazione del vino mediante l'aggiunta di alcol etilico. Si scoprì anche che il vino della regione di Cognac era particolarmente adatto alla distillazione. Intorno al 1530, gli olandesi introdussero l'arte della distillazione in questa regione, chiamando i distillati di vino "Brandewijn", da cui è derivato il termine inglese brandy. All'epoca era consuetudine produrre i distillati distillandoli una sola volta, come avviene ancora oggi per l'Armagnac.

Cognac - Rebflächen im Département Charente mit Ugni Blanc (Trebbiano Toscano)

L'invenzione del cognac

Secondo la leggenda, l'invenzione del cognac attraverso la doppia distillazione è attribuita allo Chevalier de la Croix Maron, Seigneur de Segonzac (antenato della famiglia Castelbajac, produttrice di cognac) alla fine del XVI secolo. Si dice che il cavaliere, profondamente religioso, abbia sognato che il diavolo voleva rubargli l'anima bruciandola in un calderone. Tuttavia, grazie alla sua fede incrollabile, sopravvisse indenne alla prova. Anche un secondo tentativo del diavolo di distillare lo spirito non ebbe successo, così il cavaliere ebbe l'idea di estrarre l'anima dello spirito con una seconda distillazione. La nuova bevanda prese rapidamente piede e l'olandese Augustin Godet fu il primo a ricevere l'autorizzazione statale per l'esportazione del cognac. Un certo Jean Martell si stabilì a Cognac nel 1715 e produsse brandy, seguito da Richard Hennessy e da altri che ancora oggi sono tra i marchi più rinomati.

Regione d'origine e varietà d'uva

La fillossera arrivò nella regione intorno al 1870 e distrusse molti vigneti della Charente. L'attuale superficie vitata di circa 75.000 ettari è solo un terzo di quella di allora. La base del 90% della produzione di Cognac è costituita principalmente da Saint-Émilion/Ugni Blanc (Trebbiano Toscano), oltre che da Colombard e, in misura minore, da Folle Blanche. Nel 2005 è stata autorizzata anche la nuova varietà Folignan, con un massimo del 10% della superficie vitata per azienda. Già nel 1860, il geologo francese Henri Coquand (1813-1881) e un assaggiatore professionista di brandy furono incaricati di classificare la regione in termini di qualità. Tuttavia, solo nel 1909 furono definiti i confini e...

Cosa dicono di noi i nostri membri

Egon Mark

Per me, Lexicon da wein.plus è la più completa e migliore fonte di informazioni sul vino attualmente disponibile.

Egon Mark
Diplom-Sommelier, Weinakademiker und Weinberater, Volders (Österreich)

Il Lexicon del vino più grande del mondo

26,386 Parole chiave · 46,992 Sinomini · 5,323 Traduzioni · 31,720 Pronunce · 203,028 Riferimenti incrociati
fatto con il dal nostro autore Norbert F. J. Tischelmayer. Sul Lexicon

Eventi nelle tue vicinanze

PREMIUM PARTNER