wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Aszú-Eszencia

Nome ungherese per un tipo di vino precedente di Tokaj; vedi lì.

Il vino probabilmente più noto dell'Ungheria prende il nome dalla città di Tokaj, situata nel nord-est vicino ai confini con la Slovacchia e l'Ucraina. La parola "Tokaj" è probabilmente di origine unno-turca e significa qualcosa come "foresta vicino al fiume". È stata menzionata per la prima volta in una cronaca della fine dell'XI secolo, dove viene descritto l'attraversamento di un esercito cumano sul fiume Tibisco a "Thocoyd". Il re Béla IV (1235-1270) ha avviato la viticoltura ungherese su scala più ampia, con la prima ripresa nella regione di Tokaj nel XIII e XIV secolo. Non è più possibile stabilire quando sia stato prodotto il primo Tokaj Aszú, ma è certamente uno dei primi vini ottenuti da bacche nobili dolci botritizzate.

Tokajer - Gemälde 16. Jahrhundert

L'immagine mostra i vigneti di Tokaj nella seconda metà del XVI secolo (grafica di Georg Hoefnagel). La fortezza nota come Castello Rákóczi fu demolita nel 1705 per ordine di Francesco II Rákóczi (1676-1735).

La storia di Tokaj

Numerose leggende circondano l'"invenzione" del Tokay. Si dice che un Tokaji Aszú sia stato presentato a Papa Pio IV (1499-1565) al Concilio di Trento del 1562, al che egli osservò: "Summum pontificem talia vina decent!". ("Questo vino appartiene alla tavola papale"). Il vino di aszú viene spesso menzionato per iscritto per la prima volta nel 1571, più precisamente in un documento dell'inventario della famiglia Garay datato 15 maggio 1571. Il termine "Vinum passum-aszu szeőleő bor" (vino da bacche di aszú) compare già nel 1590 nell'opera pubblicata postuma "Nomenclatura" di Balázs Szikszay Babricius (+1576). Nel 1635, un elenco della cantina Rákóczi menziona "7 barili (il barile Gönc era la misura standard) e 2 Àntalag (= barile piccolo) Aszúszőlő-Bor" (= vino d'uva Aszú). I possedimenti del principe György Rákóczi I (1600-1660) comprendevano anche la regione di Tokaj-Hegyalja.

La nascita del 1651

Quando, intorno al 1631, una delle numerose incursioni turche tornò a minacciare la regione, il predicatore di corte incaricato, Máté Szepsi-Laczkó (1576-1633), decise di aspettare con la vendemmia che il pericolo fosse scongiurato. Durante il lungo e soleggiato autunno, gli acini cominciarono a raggrinzire e si manifestò la muffa nobile. I viticoltori furono incaricati di pigiare separatamente le uve del vigneto di Oremus durante la vendemmia. A Pasqua del 1651, il primo "Tokajer Ausbruch"(selezione di acini secchi) fu servito alla principessa Zsuzsanna Lorántffy. Per questo motivo gli ungheresi onorano ancora oggi Szepsi-Laczkó come "inventore dell'Aszú". Una valutazione nazionale delle regioni vinicole ungheresi risale al 1707. Le regioni erano suddivise in cinque categorie o classi di qualità. Solo la regione di Tokaj-Hegyalja fu classificata come prima classe. È in questo periodo che si cominciò a riconoscere la grande importanza della zona come prodotto commerciale di valore.

Famosi intenditori

A partire dal XVII secolo, il Tokaj ebbe un ruolo importante presso molte corti europee. Tra gli estimatori reali si annoverano Francesco Giuseppe I, Maria Teresa, Federico il Grande, Vittoria I e Guglielmo II. Molti scrittori, poeti e compositori famosi hanno citato il Tokay nelle loro opere. Tra questi Ludwig van Beethoven, Johann Wolfgang von Goethe (Faust), Heinrich Heine (Libro dei canti), Friedrich von Schiller (Wallenstein), Franz Schubert, Bram Stoker (Dracula), Johann Strauss Sohn (Fledermaus), Theodor Körner (in una canzone sul vino), Nikolaus Lenau (Mishka sul Tibisco) e Voltaire (Prova di Dio).

Nel 1733, la corte dello zar russo istituì una propria commissione per l'acquisto di vino nella città di Tokaj. La zarina Elisabetta Petrovna Romanova (1709-1762) ordinò una consegna di 375 barili con lettera dell'8 novembre 1745 e annotò come post scriptum: "E se c'è anche solo la possibilità, inviate almeno tre antal (barili di circa 75 litri) tramite messaggero, che posso ottenere qui Da nessuna parte, poiché non posso stare senza vino, come sapete anche voi" .

Vinum Regum - Rex Vinorum

Sotto il suo successore Caterina la Grande (1729-1796), i rifornimenti venivano scortati alla sua residenza di San Pietroburgo da uno speciale distaccamento cosacco. Il Re Sole francese Luigi XIV (1638-1715) gli attribuì il titolo di "Vinum Regum - Rex Vinorum", che significa "Vino dei Re - Re dei Vini". Il tokaj è stato spesso usato anche come arma diplomatica. Quando i Turchi furono cacciati da Budapest nel 1686, il principe Ferenc Rákóczi II (1676-1735) voleva fare dell'Ungheria ormai liberata un regno indipendente. Per allearsi con Luigi XIV, gli inviò un nobile Tokay. Anche l'imperatore Francesco Giuseppe I (1830-1916) utilizzò il vino per scopi diplomatici, salutando la regina Vittoria (1819-1901) con una partita di Aszú ogni anno per il suo compleanno.

Il periodo di massimo splendore

Il periodo di massimo splendore del commercio del vino di Tokaj fu durante il periodo di massimo splendore delle famiglie Rákóczi e Bercsényi nel XVII e XVIII secolo. In questo periodo, la maggior parte delle innumerevoli cantine (se ne contano 185 solo a Tokaj) furono scavate nei terreni di loess, ideali per questo scopo. A partire dall'ultimo terzo del XVIII secolo si verificò un declino, da un lato a causa di eventi bellici, in seguito ai quali i vigneti rimasero incolti o vennero distrutti, e dall'altro a causa di misure imposte economicamente, soprattutto durante il regno di Maria Teresa (1717-1780). L'esportazione del vino di Tokaj era consentita solo nella misura in cui veniva importato il vino austriaco. Nel 1745, la zarina russa Elisabetta (1709-1762) inviò 600 bottiglie. Anche Papa Benedetto XIV (1675-1758) ricevette una spedizione e lo ringraziò con una citazione straordinaria.

Falsificazioni

Anche l'adulterazione del vino, che ebbe luogo su larga scala in molti Paesi nel XIX secolo, contribuì alla cattiva reputazione del Tokay. Esistevano persino ricette dettagliate, ad esempio in un'opera del 1875: prendere 100 litri di vino normale; 15 litri di essenza di uva sultanina; 0,5 litri di essenza di mandorle amare; 0,1 litri di essenza di fiori di sambuco; 4 kg...

Cosa dicono di noi i nostri membri

Sigi Hiss

C'è un gran numero di fonti sul web dove si possono acquisire conoscenze sul vino. Ma nessuno ha la portata, l'attualità e la precisione delle informazioni dell'enciclopedia su wein.plus. Lo uso regolarmente e ci faccio affidamento.

Sigi Hiss
freier Autor und Weinberater (Fine, Vinum u.a.), Bad Krozingen

Il Lexicon del vino più grande del mondo

26,385 Parole chiave · 46,991 Sinomini · 5,323 Traduzioni · 31,719 Pronunce · 202,841 Riferimenti incrociati
fatto con il dal nostro autore Norbert F. J. Tischelmayer. Sul Lexicon

Eventi nelle tue vicinanze

PREMIUM PARTNER