wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Cima Corgo

La zona più grande dell'area del vino porto ghese; vedi lì.

Vino da dessert portoghese famoso in tutto il mondo, noto come "Vinho do Porto" o semplicemente "Porto", che non prende il nome dalla sua regione d'origine, il Douro, ma dalla città portuale Porto, da cui viene spedito. Gli inglesi hanno svolto un ruolo importante nella sua creazione in relazione alle guerre commerciali con la Francia. Per un certo periodo, nel XVII secolo, l'importazione di vini francesi in Inghilterra fu vietata e successivamente gravata da elevati dazi doganali. Questo portò a una strozzatura dell'offerta. Nel 1678, un mercante di vino di Liverpool inviò i suoi due figli a Viano do Castello, vicino alla città di Porto, per acquistare vino. A Lamego, giunsero in un monastero dove l'abate servì loro un vino di cui furono entusiasti. Il sacerdote svelò loro il segreto per cui questo vino era così piacevolmente dolce e morbido, ovvero l'infusione di brandy, cioè di sprite, durante la fermentazione. I due acquistarono quindi l'intero stock, inviarono la spedizione in Inghilterra e iniziò l'avanzata trionfale del vino di Porto, inizialmente conosciuto come "Red Portugal".

Portwein - Dourotal

L'influenza britannica

Il trattato di Methuen, concluso nel 1703, che prevedeva concessioni doganali per l'importazione di vini portoghesi in Inghilterra, fu decisivo per il boom del vino di Porto. Il vino di Porto dell'epoca era destinato quasi esclusivamente all'esportazione in Inghilterra, motivo per cui ancora oggi viene chiamato "Englishmen Wine". All'epoca era ancora comune l'aggiunta di succo di sambuco rosso come colorante. Dall'inizio del XVIII secolo, famiglie inglesi, tedesche e olandesi si stabilirono a Porto per commercializzare il vino di Porto. Tra queste vi erano nomi che ancora oggi svolgono un ruolo decisivo, come Cockburn, Croft, Ferreira, Niepoort, Sandeman, Taylor's e le aziende Dow, Graham e Warre, poi rilevate da Symington. Nel 1790, le case commerciali britanniche costruirono la Factory House a Porto, che inizialmente servì come fabbrica e poi, dal 1811 a oggi, come club per gentiluomini e luogo di incontro.

Gli inglesi acquisirono il monopolio della commercializzazione. Sotto il primo ministro Marquês de Pombal (1699-1782), che possedeva un vigneto nella zona di Carcavelos, la regione del Douro fu definita all'interno dei suoi confini nel 1756 per proteggere l'autenticità del vino di Porto. Furono inclusi solo i migliori vigneti. Dei circa 250.000 ettari di terreno, solo un ottavo circa è adatto alle viti da porto. Questo rende l'area una delle più antiche regioni vinicole legalmente delimitate al mondo, insieme al Chianti. Pombal emanò ulteriori misure per proteggere il vino di Porto. Come misura importante per rompere il monopolio inglese, fondò la "Real Companhia Velha". Vietò anche l'aggiunta di succo di sambuco e la concimazione con letame. Sebbene ciò abbia ridotto la resa, ha aumentato la qualità.

La regione del vino di Porto

Per oltre due secoli, il confine definito è stato applicato esclusivamente al vino di Porto. Il nome portoghese "Vinho do Porto" deriva dalla città di Porto sul corso inferiore del Douro. Solo nel 1979 la classificazione DOC è stata estesa anche ai vini "normali", cioè ai vini rossi e bianchi non frizzanti. Tuttavia, i terreni migliori sono riservati al vino di Porto, in particolare quelli più adatti di ardesia su pendii per lo più terrazzati. La regione si trova nel nord-ovest del Portogallo e comprende le valli del fiume Douro e dei suoi affluenti fino al confine con la Spagna. Questi corpi idrici hanno un effetto positivo sulla viticoltura o creano le condizioni per la formazione dei pendii delle valli.

Portwein - Karte vom Dourogebiet und Vila Nova de Gaia

Esistono tre sottozone. La zona "Baixa Corgo" (Corgo inferiore), a ovest, comprende l'area a nord del Douro tra Barqueiros e la riva occidentale del Corgo e a sud del Douro fino ad Armamar. Questa zona più fresca e umida produce vini più leggeri. La zona più estesa, la "Cima Corgo" (Corgo superiore), si trova a nord e a sud del Douro, tra Baixa Corgo a ovest e Cachão da Valeira a est. La zona intorno alla città di Pinhão è considerata la migliore, e la maggior parte delle grandi case produttrici di vino porto hanno qui le loro quintas (cantine). La zona del "Douro Superior" si trova a est e si estende fino al confine spagnolo a nord. È l'area più piccola e più secca e in parte non è ancora stata sfruttata appieno.

Ci sono circa 30.000 viticoltori su circa 33.000 ettari di vigneti, i cui 80.000 vigneti sono classificati secondo un sistema molto complesso. I criteri di valutazione sono l'ubicazione, la pendenza (più è ripida, meglio è), l'esposizione, l'altitudine, il microclima, forma di allevamento, il vitigno, la densità di impianto, le condizioni generali del vigneto, l'età delle viti, il tipo di suolo (ardesia, granito, contenuto di pietra) e la resa. Questo viene fatto in sei livelli, da A (1.200 punti e oltre) a F (399 punti e meno). Ne consegue la resa che può essere prodotta dalla rispettiva...

Cosa dicono di noi i nostri membri

Sigi Hiss

C'è un gran numero di fonti sul web dove si possono acquisire conoscenze sul vino. Ma nessuno ha la portata, l'attualità e la precisione delle informazioni dell'enciclopedia su wein.plus. Lo uso regolarmente e ci faccio affidamento.

Sigi Hiss
freier Autor und Weinberater (Fine, Vinum u.a.), Bad Krozingen

Il Lexicon del vino più grande del mondo

26,384 Parole chiave · 46,992 Sinomini · 5,323 Traduzioni · 31,718 Pronunce · 202,891 Riferimenti incrociati
fatto con il dal nostro autore Norbert F. J. Tischelmayer. Sul Lexicon

Eventi nelle tue vicinanze

PREMIUM PARTNER