wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Selezione dell'allevamento

Vedere alla voce allevamento.

Le antiche civiltà degli Assiri, degli Egizi, dei Babilonesi, dei Cinesi, dei Persiani e dei Fenici erano probabilmente già coinvolte nella coltivazione deliberata di piante e quindi anche di varietà di uva basate su viti selvatiche. Il fatto che si potessero ottenere nuove varietà seminando era probabilmente noto da molto tempo. I Persiani e successivamente gli Arabi, nell'alto Medioevo, probabilmente già allevavano deliberatamente uva da tavola a bacca grande, che si diffuse in tutta la regione mediterranea fino alla Spagna. L'allevamento moderno, inteso come incrocio deliberato e indotto manualmente di due varietà parentali con l'uso mirato del polline paterno, è probabilmente iniziato nell'Europa cristiana solo con l'inizio della sistematica botanica, di cui Carl von Linné (1707-1778) e Charles Darwin (1809-1882) hanno gettato le basi scientifiche.

Inizio delle attività di selezione mirata

A partire dal primo terzo del XIX secolo, soprattutto nelle serre inglesi, vennero create nuove varietà di uva attraverso attività di selezione mirata, come la semina o l'incrocio. Tra queste, ad esempio, le varietà di uva da tavola Foster's White Seedling e Lady Downe's Seedling. A metà del XIX secolo, molte nuove varietà come la Madeleine Royale e la Madeleine Angevine furono create anche in Francia, in particolare nei vivai di Anger (Loira).

Gli incroci professionali iniziarono nel secondo terzo del XIX secolo. Un vero e proprio boom di nuove varietà di ibridi resistenti ai funghi e di portainnesti resistenti alla fillossera si verificò in concomitanza con la catastrofe della fillossera e della peronospora a partire dagli anni Settanta del XIX secolo, soprattutto in Francia, con gli allevatori Georges Couderc (1850-1928) e Albert Seibel (1844-1936), nonché con il vigneto Seyve-Villard, particolarmente degno di nota in termini di quantità. In seguito al grande successo del Müller-Thurgau, dopo la Prima Guerra Mondiale in Germania vennero create grandi quantità di nuovi vitigni. Nacquero così varietà come Bacchus, Domina, Dornfelder, Dunkelfelder, Huxelrebe, Kerner, Scheurebe, Siegerrebe e molte altre.

Obiettivi dell'allevamento

L'obiettivo generale della selezione nella viticoltura moderna è quello di produrre vitigni con determinate caratteristiche e tratti positivi e desiderabili. Nuove varietà di uva con caratteristiche migliori o, in alcuni casi, completamente nuove possono essere prodotte solo attraverso la selezione generativa (sessuale): due varietà di uva con caratteristiche parentali desiderabili vengono incrociate tra loro e le piante che meglio corrispondono alla varietà ideale desiderata vengono selezionate tra le piantine adulte. Nella selezione conservativa, gli stock esistenti di varietà con sintomi degenerativi o virali vengono migliorati selezionando le viti più vigorose, fertili e sane. Queste singole viti sane e prive di virus vengono poi propagate in massa per via vegetativa (asessuata), mentre le viti degenerate e non fertili presenti nel vigneto vengono eliminate e sostituite da cloni sani moltiplicati di ottima qualità(riproduzione clonale).

Una volta individuata e selezionata una pianta con le caratteristiche desiderate, questo successo riproduttivo, rappresentato da una singola pianta, può essere riprodotto per propagazione vegetativa tramite talea, al fine di produrre un numero di copie di cloni in vivaio sufficiente a rifornire i vigneti. A causa dell'eterozigosi estremamente pronunciata nel genoma della vite, le piante propagate tramite seme si dividono nuovamente e quindi non presentano più le caratteristiche selezionate della pianta madre. Per questo motivo, la propagazione vegetativa è l'unico modo per preservare un tipo di varietà selezionata e moltiplicarla in modo inalterato (vedi dettagli alla voce Fioritura).

L'Ufficio comunitario delle varietà vegetali (UCVV ) istituito dall'UE o le autorità nazionali sono responsabili della concessione della protezione varietale per le varietà di uva di nuova selezione o per i cloni selezionati in Europa o nei singoli Paesi. Esistono essenzialmente quattro diverse strategie di selezione, alcune delle quali vengono utilizzate in combinazione. Si tratta di incrocio, selezione, mutazione e mantenimento.

Incrocio

Si riferisce alla selezione di nuove varietà di uva attraverso l'incrocio di almeno due e talvolta di più varietà parentali, incrociando nuovamente (eventualmente più volte) il prodotto dell'incrocio. In ogni caso, si tratta di propagazione generativa (sessuale). La suddetta eterozigosi della vite fa sì che anche la prole abbia caratteristiche diverse dai genitori. Questo fenomeno fondamentalmente positivo è chiamato effetto eterosi. Di norma, i genitori sono varietà diverse, il che evita gli effetti negativi della consanguineità. I semi destinati alla semina maturano nelle bacche della varietà madre (che è...

Cosa dicono di noi i nostri membri

Thorsten Rahn

L'enciclopedia del vino mi aiuta a tenermi aggiornato e a rinfrescare le mie conoscenze. Grazie mille per questo Lexicon che non sarà mai obsoleto! Questo è ciò che rende così eccitante visitare più spesso il sito.

Thorsten Rahn
Restaurantleiter, Sommelier, Weindozent und Autor; Dresden

Il Lexicon del vino più grande del mondo

26,381 Parole chiave · 46,990 Sinomini · 5,323 Traduzioni · 31,715 Pronunce · 202,587 Riferimenti incrociati
fatto con il dal nostro autore Norbert F. J. Tischelmayer. Sul Lexicon

Eventi nelle tue vicinanze

PREMIUM PARTNER