wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Indicazione geografica protetta

Livello di qualità del vino (IGP); vedi sotto Francia.

La Repubblica di Francia, con capitale Parigi, si estende per 632.734 km². È uno Stato intercontinentale dell'Europa occidentale con territori d'oltremare. Il territorio nazionale si trova in tutti i continenti, ad eccezione dell'Asia. La parte europea del territorio nazionale (France métropolitaine) si estende per 543.940 km² (85%) e confina con Spagna e Andorra a sud-ovest, Belgio, Lussemburgo, Germania, Svizzera e Italia a nord e a est, e Monaco a sud-est. L'isola di Corsica (8.760 km²) è un'entità territoriale francese a statuto speciale. È molto più vicina all'Italia che alla Francia.

Frankreich - politische Karte

I territori d'oltremare al di fuori dell'area centrale sono noti come "Départements et régions d'outre-mer" (DOM) e coprono 88.794 km² (più o meno come l'Austria). Si tratta di ex colonie francesi. Si tratta di Guadalupa e Martinica (gruppi di isole nei Caraibi), della Guyana francese (nel nord dell'America del Sud, sull'Oceano Atlantico, tra il Brasile e il Suriname), della Riunione (isola nell'Oceano Indiano) e di Mayotte (isola a nord-ovest del Madagascar).

Il Paese è amministrativamente suddiviso in 23 regioni per un totale di 101 dipartimenti (di cui 96 in Europa). Comprensibilmente, la viticoltura è significativa solo nell'area europea. Le aree viticole sono distribuite in modo abbastanza uniforme su tre quarti della superficie, soprattutto lungo i numerosi specchi d'acqua (vedi sotto).

La storia

Rispetto alla Grecia e all'Italia, la Francia è un Paese vinicolo relativamente giovane. Le prime viti furono introdotte nel VI secolo a.C. dai Greci, che fondarono Massalia (lat. Massillia = Marsiglia) nel sud-ovest della costa mediterranea. A quell'epoca, la terra che i Romani chiamarono poi Gallia era abitata da varie tribù celtiche (Allobroges, Ambiani, Arvernes, Bituriani, Cenomani e altri in Francia, Norici in Baviera e Austria).

Si sviluppò un vivace commercio e i Greci soddisfarono la domanda. Quando nel V secolo immigrarono nella Pianura Padana, conobbero il vino italiano e cominciarono a importarlo. I francesi consumavano quindi il vino da molto tempo prima di iniziare a coltivarlo su larga scala. La conquista della Gallia da parte di Giulio Cesare (100-44 a.C.) portò alla diffusione sistematica del vino nella valle del Rodano nel I secolo, in Borgogna e a Bordeaux nel II secolo e nella Loira nel III secolo. L'imperatore romano Marco Aurelio Probo (232-282) eliminò il divieto imposto dall'imperatore Domiziano (51-96) e ordinò di piantare viti in tutta la Gallia a metà del III secolo.

Frankreich - Probus und Karl der Große

Carlo Magno

Il re dei Franchi e poi imperatore Carlo Magno (742-814) diede un impulso decisivo alla viticoltura nell'odierna Francia con i suoi decreti. L'ordine cattolico dei Cistercensi fu fondato nel monastero di Cîteaux in Borgogna nel 1098 e si diffuse rapidamente in tutta Europa. I monaci perfezionarono la viticoltura in termini di selezione del tipo di terreno, selezione delle varietà di uva e vinificazione, con un impatto in tutta Europa. Tuttavia, l'ordine benedettino, il cui membro più famoso è probabilmente Dom Pierre Pérignon (1638-1715), "inventore" dell'assemblage, il sapiente taglio dei vini, ha dato un contributo altrettanto significativo alla viticoltura. Vale la pena ricordare che il vino è stato inserito nel calendario rivoluzionario francese e che settembre ha preso il nome di Vendèmiaire (mese del vino).

Classificazione di Bordeaux

La famosa classificazione di Bordeaux ebbe luogo nel 1855. Questa ha avuto una grande influenza sui successivi sistemi di classi di qualità, che variano notevolmente da regione a regione. Poco dopo, il Paese fu il punto di partenza della più grande e completa catastrofe della storia della viticoltura, quando la fillossera, l'oidio e la peronospora iniziarono la loro campagna di distruzione in tutta Europa a partire dagli anni Sessanta del XIX secolo. La Francia fu particolarmente colpita, con oltre tre quinti (700.000 ettari) dei suoi vigneti distrutti. Allo stesso tempo, però, gli "anni d'oro di Bordeaux" segnarono un nuovo inizio, con l'impianto di vigneti su larga scala nel Médoc.

Il concetto di terroir

In Francia è stato presto riconosciuto che un vino dalle caratteristiche inconfondibili viene prodotto su un terreno specifico, sotto l'influenza del microclima locale e di varietà di uve appositamente selezionate. I Cistercensi ne gettarono le basi già nel Medioevo. Il termine terroir è stato coniato nel primo terzo del XX secolo. Negli anni Venti, il proprietario di vigneti Pierre Le Roy de Boiseaumarié (1890-1967) descrisse le varietà di uve ideali per Châteauneuf-du-Pape in base al suolo e al clima tipici di un'area da lui definita. Un ulteriore impulso venne da Joseph Capus (1868-1947), che insieme a Boiseaumarié è considerato l'iniziatore del sistema di denominazione.

Le regioni vitivinicole

La Francia è stato il primo Paese a mappare geograficamente le sue regioni vitivinicole. Ciò è stato fatto definendo aree e confini legalmente validi dai quali è possibile ricavare chiaramente la qualità specifica di un vino. Questa è definita in modo chiaro e inequivocabile dalla denominazione in questione. Più il vino è buono, più le norme sono precise e, di norma, la zona è più piccola. Il sistema speciale di "origine controllata" è descritto nella sezione Appellation d'Origine Protégée ed è controllato dall'autorità INAO. Le aree viticole sono situate principalmente lungo i numerosi fiumi come la Dordogna, la Garonna, la Gironda, la Loira e il Rodano, nonché i loro numerosi affluenti. Sotto la tutela e la supervisione dell'INAO, vi sono circa 400 zone AOP(vini di qualità) e circa 100 zone IGP(vini regionali). A differenza dell'Italia (dove la situazione è identica al 100%), non c'è quasi nessuna corrispondenza tra le regioni...

Cosa dicono di noi i nostri membri

Roman Horvath MW

wein.plus è una guida pratica ed efficace per avere una rapida panoramica del variopinto mondo dei vini, dei viticoltori e dei vitigni. L'enciclopedia del vino, la più completa al mondo nel suo genere, contiene circa 26.000 parole chiave su vitigni, cantine, regioni vinicole e molto altro.

Roman Horvath MW
Domäne Wachau (Wachau)

Il Lexicon del vino più grande del mondo

26,381 Parole chiave · 46,990 Sinomini · 5,323 Traduzioni · 31,715 Pronunce · 202,510 Riferimenti incrociati
fatto con il dal nostro autore Norbert F. J. Tischelmayer. Sul Lexicon

Eventi nelle tue vicinanze

PREMIUM PARTNER