wein.plus
ATTENZIONE
Stai usando un browser vecchio e alcune aree non funzionano come previsto. Per favore, aggiorna il tuo browser.

Login Iscriviti come membro

Seconda etichetta

Sinonimo di secondo vino; vedi lì.

Denominazione (anche seconda etichetta) per una linea significativamente più economica e semplice di una cantina che viene commercializzata con un nome diverso da quello del Grand Vin (primo vino). È particolarmente comune a Bordeaux, ma il termine è utilizzato anche in altre regioni e paesi. Per il vino principale vengono utilizzati i migliori vini provenienti dai migliori vigneti. La filosofia e i criteri variano notevolmente da château a château e possono anche cambiare da annata ad annata. Si tratta, ad esempio, di uve provenienti da vigneti con viti più giovani (circa 10-15 anni), di uve provenienti da siti di qualità inferiore rispetto ai primi vigneti, di partite pre-vendemmiali, di vini provenienti dalla seconda spremitura e di vini provenienti da campioni di botte più scadenti. Nelle annate scarse può accadere che il primo vino non venga prodotto, come ad esempio nel 1987 a Château Lafleur e nel 1991 a Château Cheval Blanc. Soprattutto nelle annate molto buone, il secondo vino offre spesso un rapporto qualità-prezzo molto migliore, dato che i Grands Vins costano almeno il doppio. Dal 1993 è consentito utilizzare le denominazioni aggiuntive Château o Domaine per il secondo o terzo vino.

Zweitwein - Château Latour Grand Vin, Second Vin, Troisième Vin

Qualità del secondo vino

La qualità dei secondi vini può variare notevolmente. Alcune case raggiungono la massima qualità. Ad esempio, il secondo vino "Les Forts de Latour" di Château Latour si avvicina molto alla qualità e anche al prezzo di uno château "Deuxième Cru Classé" (in alto al centro della foto). Per altri produttori, invece, questi vini sono di qualità molto bassa. Di norma, i secondi vini hanno meno sapore, contenuto alcolico e tannini dei vini principali. Di solito sono più fruttati, più morbidi nella struttura e maturano molto prima, cioè hanno una durata di conservazione più breve. Tuttavia, molto spesso lo stile caratteristico di un'azienda si esprime al meglio anche nel secondo vino e ci si può aspettare la migliore qualità dai migliori Châteaux.

Alcune cantine puntano a una certa tipicità. Di conseguenza, anche le partite in eccedenza di vino molto buono alla fine non vengono completamente incorporate nel Grand Vin, perché nelle annate molto buone il vino si distinguerebbe troppo dalle altre annate. Ciò significa che anche le migliori qualità possono confluire in un secondo vino. Un buon esempio è Château Léoville-Las-Cases, dove il secondo vino delle buone annate raggiunge quasi la qualità del Grand Vin. Tuttavia, il grado assegnato nella classificazione bordolese del 1855 non si applica ai secondi vini, indipendentemente dalla loro alta qualità. Per questo motivo hanno anche un nome diverso, cioè non possono riportare il nome dello château sull'etichetta.

Terzo vino

Il termine secondo vino è utilizzato anche in Italia (e in altri Paesi), ma in forma leggermente diversa. Nelle zone DOC/DOCG particolarmente prestigiose, un altro vino proveniente da questa zona viene etichettato come secondo vino. Ad esempio, il Rosso di Montalcino è considerato il secondo vino della zona del Brunello di Montalcino. Tuttavia, il termine è particolarmente diffuso in Francia. Molti châteaux producono un secondo vino. Esiste un terzo vino di Château Latour, Château Lafite-Rothschild e Château Léoville-Las-Cases, ad esempio. Château Batailley, Château Clerc Milon, Château d'Yquem, Château Latour à Pomerol¸ Château La Conseillante, Château Le Pin, Château Pétrus e Château Trotanoy non producono un secondo vino. Château Mouton-Rothschild ha iniziato relativamente tardi, nel 1993.

Secondi e terzi vini famosi

La maggior parte dei vini di questo elenco sono secondi e terzi vini francesi, soprattutto di Bordeaux, ma ce ne sono anche di altri Paesi:

azienda vinicola o primo vino SECONDO VINO - TERZO VINO
Álvaro Palacios (L'Ermita) Finca Dofí, Les Terrasses
Capaia Collina di Blue Grove
Castello di Angélus Il Carillon dell'Angolo
Castello di Ausone Cappella d'Ausone
Castello Balestard La Tonnelle Le Tourelles de Balestard
Castello di Barde-Haut Le Vallon de Barde-Haut
Castello Beauséjour Duffau-Lagarosse La Croix de Mazerat
Castello Beau-Séjour-Bécot La Tournelle des Moines
Castello Bélair-Monange Le Sange di Magdelaine
Castello Belgrave Diane de Belgrave
Castello Berliquet Le Aiglie di Berliquet
Castello Beychevelle Ammiraglio di Beychevelle
Castello di Bonalgue Castello Burgrave
Castello Bouscaut Castello di Valoux
Castello Boyd-Cantenac Jacques Boyd
Castello Branaire-Ducru Castello Duluc
Castello Brane-Cantenac Barone di Brane
Castello di Calon-Ségur Castello Marchese di Calon
Castello Canon Croix Canon (ex Clos Canon)
Château Canon-La-GaffelièreCastello...

Cosa dicono di noi i nostri membri

Markus J. Eser

L'uso dell'enciclopedia non solo fa risparmiare tempo, ma è anche estremamente comodo. Inoltre, le informazioni sono sempre aggiornate.

Markus J. Eser
Weinakademiker und Herausgeber „Der Weinkalender“

Il Lexicon del vino più grande del mondo

26,382 Parole chiave · 46,989 Sinomini · 5,323 Traduzioni · 31,716 Pronunce · 202,680 Riferimenti incrociati
fatto con il dal nostro autore Norbert F. J. Tischelmayer. Sul Lexicon

Eventi nelle tue vicinanze

PREMIUM PARTNER